STRADA LASTRICATA

Infrastrutture, D’Alfonso detta l’agenda al suo datore di lavoro

Incontro di lavoro, un accordo, una visione del futuro a braccetto con il presidente Anas

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

678

ABRUZZO. C’è molto da fare. Bisogna fare in fretta e bene. Ma non come in passato che è stata una specie di Waterloo per le opere pubbliche. Questa volta si cambia metodo e registro.

Più o meno sono queste le dichiarazioni di intenti emerse oggi nel tour abruzzese e dell’incontro nella sede Anas dell'Aquila dove il presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, ha incontrato il presidente Anas, Gianni Vittorio Armani (anche  suo datore di lavoro), alla presenza del direttore centrale delle Risorse umane Carlo Ranucci, del Capo dipartimento Anas Abruzzo, Lelio Russo, del sindaco Massimo Cialente, del consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci, del Presidente della Provincia dell'Aquila Antonio De Crescentis oltre a sindaci, altri amministratori e associazioni di categoria.

Dall’incontro sarebbero emerse le emergenze infrastrutturali abruzzesi. E’ stato inoltre predisposto un protocollo di intesa tra Anas e Regione per il potenziamento della rete stradale che verrà firmato oggi pomeriggio a Pescara, finalizzato a lavorare in modo coordinato per il potenziamento della rete stradale, sia per quanto riguarda la realizzazione delle infrastrutture stradali mancanti, sia per il miglioramento di quelle esistenti di interesse nazionale e regionale.

A L’Aquila In particolare, si è parlato della dorsale appenninica Rieti-L'Aquila-Navelli-Bussi e del collegamento veloce L'Aquila-Pescara.

«C'è stato un vuoto infrastrutturale in questi anni che vogliamo colmare», ha detto D’Alfonso, «facendoci carico di una nuova consapevolezza delle priorità. Vogliamo attivare il consenso dei vari livelli istituzionali e fare battaglie congiunte con Anas per la provvista finanziaria»

In Abruzzo l'Anas gestisce 32 strade per circa 1000 chilometri complessivi. Sono considerate opere infrastrutturali strategiche da realizzare: la dorsale appenninica Rieti-L'Aquila-Navelli-Bussi, incluso il collegamento veloce L'Aquila-Pescara; l'ultimazione della Teramo Mare; la Pedemontana Abruzzo-Marche: tratta Guardiagrele-Val di Sangro-Fara San Martino; la variante alla strada statale 16 in corrispondenza degli abitati di Vasto-San Salvo, Francavilla al Mare-Ortona, Montesilvano-Silvi; il collegamento Loreto Aprutino-Penne; il prolungamento dell'asse attrezzato con il porto di Pescara.

L'accordo tra Anas e Regione prevede di adottare tutti i provvedimenti necessari per innalzare la sicurezza del traffico sulle strade, il miglioramento dell'apparato segnaletico e dei servizi di informazione agli utenti. Un tavolo di lavoro permanente vigilerà per velocizzare la realizzazione dei progetti e per coordinare le procedure connesse all'acquisizione di pareri e delle autorizzazioni al fine di rendere cantierabili i progetti nei tempi minimi necessari.

 RIVEDERE GLI APPALTI ED IL RICORSO CERTO ALLE VARIANTI

«Anas non appaltera' mai piu', almeno fino a quando ci saro', appalti con progettazione preliminare che gia' si sa che cambiera', soltanto per arrivare a questi impegni cogenti e definitivi per cui i fondi vengono sicuramente accreditati. Questo e' un meccanismo demenziale che e' stato creato per cui i fondi vengono restituiti a scadenza».

E’ stato chiaro il neo presidente dell'Anas Spa, parlando delle procedure adottate negli ultimi 20 anni che portavano ad appaltare anche le progettazioni preliminari che poi venivano rimodulate per scarsità di fondi o per esigenze diverse in fase esecutiva. Un meccanismo che avrebbe fatto inceppare di fatto la macchina infrastrutturale ma anche portato via molta parte delle risorse pubbliche in rivoli non sempre legali.

La nuova fase dell’Anas invece prevederà che «i progetti devono essere definiti in modo congiunto con gli enti locali e non cambiare quando cambiano le amministrazioni, questa e' una cosa fondamentale perche' poi trovarsi con il cantiere in corso e il progetto che cambia, e' fonte sicuramente di contenzioso e di blocco del cantiere».

LE OPERE STRATEGICHE

 La realizzazione della Dorsale Appenninica Rieti-L'Aquila-Navelli-Bussi, del collegamento Veloce L'Aquila-Pescara, l'ultimazione della Teramo Mare, il completamento della Pedemontana Abruzzo-Marche riguardo alla tratta Guardiagrele-Val di Sangro-Fara San Martino, la realizzazione lungo la S.S.16 della Variante agli abitati di Vasto-San Salvo, Francavilla al Mare-Ortona, Montesilvano-Silvi, il collegamento Loreto Aprutino-Penne,il prolungamento dell'asse attrezzato con il porto di Pescara ed il completamento della SS 652 di Fondo Valle Sangro nel tratto tra la stazione di Gamberale e la stazione di Civitaluparella. Sono le opere infrastrutturali strategiche oggetto del Protocollo d'Intesa sottoscritto, a Pescara, nella sede del Comune.

Nello specifico, si tratta del completamento del Corridoio Adriatico: dorsale stradale interna (Amatrice-Montereale-L'Aquila- Navelli), inserito nel primo programma delle Infrastrutture Strategiche della Legge Obiettivo approvato con deliberazione del 21.12.2001, del collegamento veloce L'Aquila-Pescara lungo la SS 17 dell'Appennino Abruzzese, in relazione alla quale sono in fase di progettazione i seguenti interventi: lavori di collegamento tra la S.S. 80 in località Coppito con la S.S. 17 in località Centi Colella (innesto variante sud), variante sud all'abitato dell'Aquila, adeguamento del tratto S. Gregorio-S. Pio delle Camere dal km 45+000 al km 58+000, in relazione alla Teramo Mare l'intervento è relativo alla S.S. 80 Tratta stradale Teramo Mare: variante alla S.S. 80 dalla A14 (Mosciano S. Angelo) alla SS16 (Giulianova) - IV lotto; riguardo alla Pedemontana, è interessata la tratta Guardiagrele-Val di Sangro-Fara San Martino e più in particolare la S.S. 81: adeguamento SS 81-84 tratto Guardiagrele est innesto SS652 Val di Sangro. I lotto: da Guardiagrele Est all'innesto con la S.P. per Fara San Martino, adeguamento Fara S. Martino-Innesto S.S.652, completamento del tratto Guardiagrele - Val di Sangro - 1° lotto tra lo svincolo di Guardiagrele Nord-San Martino alla Marrucina e di Guardiagrele Est; S.S. 16: Variante agli abitati di Vasto-San Salvo, Francavilla al Mare - Ortona, Montesilvano-Silvi; in relazione, poi, al collegamento Loreto Aprutino-Penne, è interessata la S.S. 81 "Piceno Aprutina" per lavori di adeguamento plano-altimetrico del tratto fra c. da Blanzano in comune di Penne e c.da Passo Cordone in comune di Loreto Aprutino - 1° lotto funzionale dal km. 102+100 (in località Fonte Nuova di Penne) al km. 112+000 (in località passo cordone di Loreto Aprutino) - 2° tratto dal km. 106+475 al km. 112+000, riguardo al prolungamento dell'asse attrezzato Chieti-Pescara, l'intervento consiste nel prolungamento dell'asse attrezzato (SS16 dir C) del porto di Pescara, riclassificato strada statale in seguito al Decreto Legislativo n°461 del 1999, e costituisce il proseguimento del Raccordo Autostradale n.12 Chieti-Pescara. Infine, la SS 652 di Fondo Valle Sangro: tratto tra la stazione di Gamberale e la stazione di Civitaluparella.

In data 02/09/2015 si è tenuta, presso il M.I.T. Provveditorato Interregionale alle OO.PP. di Lazio, Abruzzo e Sardegna, la Conferenza di Servizi per l'approvazione del progetto definitivo, conclusasi positivamente e si sta avanzando con l'avvio delle procedure relative alla gara d'appalto. Rergione Abruzzo ed ANAS si sono, altresì, impegnate ad adottare tutti i provvedimenti necessari per innalzare la sicurezza del traffico sulle strade unitamente al miglioramento di tutto l'apparato segnaletico e dei servizi di informazione agli utenti. Infine, le parti si sono impegnate a costituire un tavolo di lavoro permanente per velocizzare la realizzazione dei progetti e per coordinare le procedure connesse all'acquisizione di pareri e autorizzazioni al fine di rendere cantierabili i progetti nei tempi minimi necessari. A tal fine, entro 15 giorni a partire da oggi, le parti designeranno i propri referenti tecnici quali componenti del tavolo di lavoro e responsabili della verifica, a cadenza trimestrale, dello stato di attuazione dello stesso.