LA DENUNCIA

Materna Michetti, ritorno a scuola tra crepe infiltrazioni e giochi arrugginiti

«A serio rischio l’incolumità degli alunni e del corpo docente»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

495

FRANCAVILLA AL MARE. Infiltrazioni di umido nei soffitti, altalene completamente arrugginite, una finestra rotta bloccata con del nastro adesivo e la scritta ‘non aprire’, così chissà da quanto tempo.

 Brutta sorpresa per le famiglie che lunedì mattina hanno accompagnato i bambini a scuola, per riprendere le attività scolastiche nel plesso Michetti di Via Tosti - Via Frentani.

Archiviate le vacanze estive si è tornati alla triste e degradata realtà.

I genitori hanno constatato che ci sono diverse cose che non vanno e hanno girato la segnalazione a Franco Moroni, consigliere comunale di Forza Italia.

«Mi è stata segnalata la presenza di crepe pericolose nelle velette corrispondenti all’ingresso del plesso, forti infiltrazioni nel corridoio e in corrispondenza della scala interna, grondaie vetuste che in caso di pioggia sono dei “colabrodi” e cosa grave per una materna, i giochi esterni sono quasi tutti pericolanti e ossidati».

Anomalie pericolose segnalate più volte, oltre 8 mesi fa, all’amministrazione comunale dalla fiduciaria di plesso.

Ma pare che poco o niente sia stato fatto, a giudicare dai risultati.

Così i genitori sono costretti a lasciare i piccoli in un posto che non si presenta al meglio.

E’ lì che cresceranno i bambini, tra giochi, apprendimento e degrado.

«I lavori», riprende Moroni, «si sarebbero dovuti effettuare durante la pausa estiva, periodo in cui gli Amministratori comunali erano però impegnati a godersi le vacanze».

E ora che si fa? Si può correre ai ripari mentre i ragazzi sono in classe o bisogna aspettare la fine dell’anno per provvedere?

«Ci troviamo ad un altro esempio di cattiva gestione della cosa pubblica, su lavori peraltro di ordinaria manutenzione e non onerosi», sottolinea Moroni, «da effettuarsi su una materna frequentata dai più “piccini” e che per tale motivo deve essere messa in sicurezza onde evitare ipotetiche tragedie e dare tranquillità ai genitori. Confido nella preparazione e serietà dei tecnici comunali per un pronto intervento».