LE FOTO

Che ci fa un bus dell’Arpa a Cuba?

Le foto di un nostro lettore incredulo di trovare un pezzo d’Abruzzo all’Havana

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

15730

HAVANA (CUBA). Che ci fa un bus dell’Arpa nella capitale della affascinante Cuba?

Lo scorso 1 luglio intorno alle ore 17,00 circa, ci racconta un nostro lettore in vacanza, mentre era alla ricerca di un po' d'ombra nel giardino antistante il "Capitolio" ha visto scorrere lungo il viale un autobus in servizio modello Fiat 370 di colore azzurro.

«Ho pensato subito alla mia Regione Abruzzo», spiega il lettore, «mi sono avvicinato e sono sobbalzato quando ho letto sulla fiancata la scritta: "Arpa Autolinee" e sulla intera fiancata nella parte bassa il logo della Cgil di Teramo ed il nome di un sindacalista. Sono rimasto incredulo».

 Già chi lo avrebbe mai detto, proprio un bus delle autolinee regionali abruzzesi a Cuba.

Ma come ci è arrivato? Imbarcato su una nave? E quando è partito?

  Da notizie apprese sembra che l'autobus Arpa sia stato portato proprio dal sindacato Filt-Cgil di Teramo quando era assessore Giandonato Morra quindi poteva essere almeno due anni fa forse nel 2012.

Potrebbe trattarsi di un autobus "rottamato" che l'azienda regionale aveva messo fuori servizio per sostituirli con nuovi mezzi acquistati  durante la Presidenza di Massimo Cirulli.

Resta da capire dunque come sia avvenuto il passaggio da Arpa alla Cgil se si è trattato di un comodato o di una vendita a tutti gli effetti. Sarebbe interessante capire nel caso quanto sia stato pagato il bus.

Pare tuttavia che non si sia trattato di una sola cessione mai bus potrebbero essere molti di più e chissà quanti finiti nell’isola cubana.

Da vecchi articoli di stampa giungono ulteriori conferme al riguardo: si parla infatti di una iniziativa benefica promossa dalla Filt Cgil di Teramo e dall'associazione Socialcuba nel 2013.

Gli autobus dismessi dall'azienda regionale di trasporto, ristrutturati e revisionati, sarebbero stati poi affidati alla delegazione dell'ambasciata cubana in Italia.  

Gli autobus sarebbero stati imbarcati a Livorno con spese a totale carico di Socialcuba e della Filt Cgil di Teramo.

Tre autobus sarebbero stati donati al Ministero della cultura dell'Havana e il quarto agli studenti dell'Accademia dell'arte plastica di Pinar del Rio.

 

I DETTAGLI DELLA OPERAZIONE BUS PER CUBA

 La Filt Cgil di Teramo e l’associazione Socialcuba da oltre 10 anni lavorano in collaborazione con l’Ambasciata di Cuba in Italia, con il Ministero dell’Educazione e al Ministero della Cultura di Cuba, con progetti di solidarietà a favore del popolo Cubano.

Gli Autobus che abbiamo inviato sono mezzi dismessi dall’Arpa, che ci sono stati donati gratuitamente dalla società di trasporto pubblico abruzzese, anche grazie all’interessamento dell’allora assessore ai trasporti Giandonato Morra.

Gli stessi sono stati intitolati alla memoria di 4 lavoratori di Arpa e dirigenti sindacali della Filt-Cgil di Teramo che prematuramente ci hanno lasciato e per l’occasione appunto ognuno degli autobus riporta una scritta con il nome del collega defunto.

Gli autobus sono stati aggiustati e messi a posto, con la collaborazione volontaria di tante persone e aziende (meccanici Arpa, varie officine del Teramano, in Giro Pubblicità ) e dopo aver risolto le procedure di espatrio sono stati trasferiti al porto di Livorno ( in modo gratuito e volontario da autisti Arpa) e da lì imbarcati per Cuba.

Una volta raggiunta l’isola sono stati consegnati agli studenti delle Università dell’Habana (musica-danza- architettura) e Pinar Del Rio (università di arte plastica).

Questo progetto, come tanti altri che abbiamo fatto (invio di biciclette, materiale didattico, vestiti, materiale sportivo, automobili, materiale di cancelleria, ecc. ecc). vengono realizzati nel tentativo di migliorare la qualità della vita dei Cubani che oramai da troppo tempo subiscono un embargo ingiusto e alquanto illegale.

Aurelio Di Eugenio
Filt-Cgil Abruzzo