TUTTI PAZZI PER EXPO

Expo, Casa Abruzzo c’è: iniziative ed eventi per farsi conoscere nel mondo

Imprenditori sperano nella visibilità e in nuovi mercati

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

341

ABRUZZO. Parallelamente alla grande Fiera Espositiva di Rho, settimana dopo settimana, si sta ritagliando il suo spazio anche Casa Abruzzo. Luogo in cui i milanesi e i visitatori di tutto il mondo possono seguire eventi e degustazioni e conoscere l'Abruzzo. E questo grazie alla collaborazione di imprenditori, artigiani, associazioni e Comuni.

In questo enorme palcoscenico mondiale che è l'Expò di Milano (nel mese di maggio la rassegna universale ha fatto registrare circa tre milioni di visitatori), l'Abruzzo si sta facendo conoscere con una casa vetrina dove si tengono, ogni giorno, presentazioni, eventi culturali e degustazioni.

Appuntamenti senza sosta, partiti il 2 maggio scorso, giorno dell'inaugurazione, che si protrarranno fino a sabato 31 ottobre.

Lo spazio abruzzese ha visto tanti curiosi e visitatori interessati oltre a diversi personaggi noti (giusto per segnalare alcuni: Elenoire Casalegno, Daniele Bossari, l'AD del Milan, Adriano Galliani, la cantate Chiara, Alessandro Cecchi Paone, ecc.) che hanno voluto saperne di più sull'Abruzzo: dagli eccellenti prodotti enogastronomici alle esibizioni e alle presentazioni di progetti e particolarità. Uno degli appuntamenti degni di nota è stato sicuramente quello che ha preso vita lungo via Fiori Chiari nel pomeriggio del 14 maggio: lo spettacolo dei Falconieri del Rosone di Sulmona e de La Compagnia del Lupo Errante di Montesilvano.

Tra divertimento e stupore, sopra le teste dei visitatori, volteggiavano falchi, aquile e barbagianni. La Compagnia del Lupo Errante, dal canto suo invece, ha offerto simulazioni di lotta medioevale con spade. Anche qui, il suono delle spade che si incrociavano ha attirato i tanti passanti che, in massa, percorrono il quartiere di Brera, sede di lounge bar, locali di ristorazione e negozi caratteristici della città. Un forte contrasto tra gli spettacoli in abiti storici e la quotidiana vita frenetica di Milano.

TRADIZIONI ABRUZZESI

Presso il Padiglione Italia, in Expò, ha preso vita un altro evento di rievocazione storica, connubio di due manifestazioni tra le più importanti d’Italia, ovvero la Perdonanza Celestiniana, la Giostra Cavalleresca di Sulmona e gli Sbandieratori dell'Aquila, che si sono esibiti intorno all'Albero della Vita.

Un'occasione intitolata Abruzzo Live per presentare a tutti gli ospiti di Expò la Bolla della Perdonanza, il prezioso documento emanato dal santo Papa Celestino V il giorno della sua incoronazione a Pontefice (il 29 agosto 1294) che istituì il primo Giubileo della storia. La Bolla, inoltre, è tutt'ora esposta (e lo sarà fino al 31 ottobre) all'interno del padiglione Italia, area Eataly, nell'ambito della mostra "Il Tesoro dItalia", organizzata da Francesco Farinetti e curata da Vittorio Sgarbi. La settimana dei prodotti biologici e dei prodotti senza glutine, ha visto la rappresentazione di un Abruzzo che si specializza e diventa all'avanguardia per settori con esigenze più specifiche.

 Molto seguiti convegno e cooking show sulla celiachia, organizzati dal Polo di innovazione per l'internazionalizzazione. Non solo enogastronomia, tradizioni, storia e cultura abruzzesi, ma anche innovazione. Domenica 31 maggio l'Auditorium del Padiglione Italia in Expo ha ospitato il convegno Università: alta formazione, ricerca e innovazione. L’incontro ha presentato casi di studio internazionali e produzioni scientifiche dei docenti nel settore dell’agroalimentare, in particolare nel settore delle tecnologie e biotecnologie alimentari, e ha visto la partecipazione dell'Università di Teramo, dell'Università Gabriele D’Annunzio di Chieti e Pescara e quella dell''Aquila.

Undici interventi accademici e dieci presentazioni di esperienze imprenditoriali, start up innovative, che hanno affrontato i temi della ricerca e dei progetti innovativi applicati al mondo del food, al centro del dibattito internazionale sull'alimentazione, come la progettazione e realizzazione di "Nasi Elettronici" su misura per alimenti, i meccanismi molecolari che sono alla base delle tipicità dell’olio extravergine di oliva abruzzese, l’indagine sul modello mediterraneo alimentare fino ad arrivare al Carbon Footprint, l’emissione di gas clima-alteranti attribuibile ad un prodotto, un’organizzazione o un individuo nell’agroalimentare. Tra le tante eccellenze abruzzesi, il vino, protagonista per qualità e quantità, non poteva assolutamente mancare.