IN TV

Tapiro alla Pezzopane per la vittoria ‘bluff’ del fidanzato al Più bello d’Italia

Gli organizzatori: «era stato squalificato»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

10395




L’AQUILA. Durante la premiazione del più bello d’Italia, lo scorso 8 dicembre, Simone Coccia Colaiuta, fidanzato della senatrice del Pd, Stefania Pezzopane, si sarebbe impossessato di una fascia di vincitore, si sarebbe scattato qualche foto e avrebbe annunciato su Facebook la sua vittoria.
Peccato, però, hanno denunciato sdegnati a Striscia la Notizia gli organizzatori del concorso, che il ragazzo non abbia vinto ma anzi sarebbe stato squalificato.
«Al termine della manifestazione», ha raccontato Donatella Gandolfo, organizzatrice dell’evento, «durante la premiazione Colaiuta si è impossessato di una fascia che non aveva assolutamente vinto. E’ salita sul palco anche la sua fidanzata e hanno scattato delle foto come vincitore. Le immagine sono state poi pubblicate su Facebook sostenendo che fosse lui il vincitore. Siamo stati anche accusati di essere conniventi con la senatrice e il fidanzato. Ma lui non ha vinto».
«E’ ingiusto», ha aggiunto Carlo Mighetti, l’altro organizzatore, «che si sia impossessato di una fascia e abbia sbandierato la vittoria di un titolo che non è il suo».
Smascherato il ‘bluff’ il tg satirico ha consegnato un tapiro d’oro alla fidanzata eccellente che però ha respinto le accuse: «era una fascia di uno sponsor e la fascia dello sponsor prescinde dal voto della giuria».

Ma Staffelli ha fatto notare che Colaiuta su Facebook si sarebbe vantato del secondo posto scrivendo: «finalissima nazionale del concorso Il più bello d’Italia aggiudicandomi il secondo posto!!! Felicissimo».
«Non so cosa volesse intendere», ha replicato la senatrice. Immancabili poi alcune domande su questa relazione tra l’ex spogliarellista e la senatrice che ha fatto scalpore ed è finita in tv (da Barbara D’Urso) e sui giornali di gossip: «la gente immagina che una persona di sinistra come lei cerchi in un compagno doti intellettuali e di spessore, invece qui ha guardato il lato fisico», l’ha incalzata Staffelli.
«Io sono stata colpita dall’aspetto ma anche da quello che mi suscita in altro modo», ha replicato la senatrice. «Lui invece è stato colpito dalla mia bellezza, dalla mia spontaneità, naturalità, semplicità».