IN TV

Striscia la Notizia a Fossa scopre allevamento pitbull: «infrange la legge»

Dopo le telecamere di Canale 5 arrivano Asl e Nas

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

10173

L’AQUILA. Le telecamere di Striscia la Notizia sono arrivate a Fossa, provincia de L’Aquila, per denunciare le condizioni disumane di alcuni pitbull all’interno di un allevamento gestito da un amatore.
«Il modo in cui vengono allevati questi animali», ha denunciato l’inviato Edoardo Stoppa, «è totalmente fuori legge ed è tipico di certi allevamenti dove si cerca di stimolare comportamenti violenti degli animali».
Stoppa ha mostrato anche delle foto tra le quali anche una in cui si vede un animale sanguinante.
Secondo quanto denunciato da Striscia gli animali ospiti dell’allevamento non avrebbero nulla a disposizione se non «una catena e una cuccia malconcia», non hanno un box dove ripararsi né un tetto sulla testa. «Considerate», ha sottolineato Stoppa, «che da queste parti nevica molto».
Inoltre per legge questa tipologia di animale, il pitbull, non può essere detenuto da persone con precedenti penali «ma chi gestisce questi animali ha avuto seri problemi con la legge quindi non potrebbe fare quello che sta facendo».

A questo punto l’inviato di Striscia ha avvicinato il titolare dell’allevamento: «stai infrangendo un sacco di legge». «Non credo proprio», ha replicato l’allevatore amatoriale. «Dovresti avere registrazioni in regolare, gli animali non dovrebbero stare alla catena…».
Ma il gestore ha spiegato che la legge sarebbe dalla sua parte e che ci sono due anni per mettersi in regola e quindi lui potrebbe continuare in queste condizioni fino a dicembre prossimo. Ma Striscia ha smentito l’allevatore e ha ricordato che il decreto che vieta le catene è già in vigore da un anno.
Dopo le telecamere del tg satirico di canale 5 sul posto sono arrivati anche i veterinari dell’Asl e i Nas che hanno riscontrato «una lunga serie di irregolarità» e hanno dato indicazioni perché la situazione cambi rapidamente, «nel giro di un mese».
Striscia ha promesso di tornare a verificare sul posto le condizioni degli animali.