SERIE B

Pescara calcio. Aresti dal baratro al sogno: «ho pensato di smettere, ora è la mia occasione in B»

Altro “smacco” di mercato: Barillà è del Trapani

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

9410




PIZZOFERRATO. Dopo Kone e Sepe, il Pescara vede sfumare l'ennesimo colpo dato in dirittura di arrivo neanche 24 ore fa. Antonino Barillà infatti si è legato ufficialmente al Trapani con un contratto di durata biennale, a cifre evidentemente fuori mercato per il sodalizio adriatico. È il terzo “smacco” di mercato per i dirigenti del Delfino, che nelle ultime settimane avevano trovato un accordo di massima con la Reggina ma non ancora con il giocatore e con il procuratore del centrocampista.
Si complica anche la trattativa per l'ex Cittadella Raffaele Di Gennaro, vicinissimo all'ambizioso Spezia.
Nel mentre il duo Repetto-Pavone continua a sondare il mercato tra difficoltà oggettive, quarto giorno di ritiro per la squadra a Pizzoferrato. Doppia seduta di allenamento e conferenza stampa nel primo pomeriggio del neo-portiere biancazzurro Simone Aresti (classe 1986, ndr), pronto all'esordio in Serie B dopo un'intera carriera passata in Lega Pro con le casacche di Pistoiese, Alghero e Savona (ultime 3 stagioni da titolare con addirittura 2 gol realizzati nel campionato 2011/2012, ndr):
«quest'anno in Serie B è l'occasione che aspettavo da tanti anni. Ho fatto la giusta gavetta in Lega Pro giocando 5 anni da titolare dopo un brutto infortunio che ha messo in dubbio la mia carriera. A 28 anni è l'età giusta per confrontarsi con la Serie B».

«Dopo la rescissione col contratto a Cagliari (nel 2008, ndr) ho anche pensato di smettere» – prosegue l'estremo difensore biancazzurro – «poi devo ringraziare l'allenatore del Savona Corda che mi ha dato fiducia e restituito un futuro nel calcio. Ora affronto tutto con umiltà e con la giusta serenità».
Nel suo passato anche 2 reti nella stagione 2011/2012: «sono stato fortunato ma preferirei essere ricordato per le parate. Baroni e Marini (preparatore dei portieri, ndr)? Mi hanno fatto un'ottima impressione. Non ho mai lavorato così tanto in passato ma va bene così, d'altronde siamo in Serie B».
Il Pescara, dopo il no di Sepe, è ancora a caccia di un portiere per completare il reparto: «la concorrenza non mi spaventa. Chiunque arriverà al Pescara per me non sarà un problema».
Andrea Sacchini