SPORT

Il Cus Chieti fa grande l’UdA: 3 ori, 3 argenti, 3 bronzi

Apertura con il botto ai campionati di Milano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5046




CHIETI. Tre medaglie d’oro, tre d’argento e tre di bronzo: è questo il bottino iniziale degli atleti universitari teatini, partiti nei giorni scorsi per i Campionati nazionali di Milano: «Non era mai capitato che il Cus Chieti vincesse tanto nei giorni di apertura delle gare – commenta soddisfatto Saverio Frittella, capodelegazione dei 118 atleti di 11 discipline – sono risultati che fanno morale e che fanno ben sperare per le prossime gare. Sembra quasi una reazione positiva ai tagli che il Cus ha subìto».
Visto il tono dimesso della partenza (con striscione polemico) e le notizie che filtrano dalla pagina web di questi Campionati nazionali (le maggiori università sono tutte presenti), si tratta di un risultato che già da solo ripaga la trasferta e si traduce in un boomerang per le scelte amministrative dell’UdA, la cui immagine sportiva nazionale oggi è difesa dal Cus “sospeso”.
Infatti con soli 16 atleti sono arrivate 9 medaglie, con una finale tutta in casa – Chieti contro Chieti - nel pugilato femminile 75 kg, con Alessia D’Addario (oro) ed Emiliana Catena (argento) che confermano il Cus ai vertici nazionali in questo sport. Gli altri due ori sono nel Beach Volley maschile (Lorenzo Piazza e Michele Simoni) e nel Judo femminile + 81 kg (Chiara Meucci). Gli argenti, oltre il pugilato femminile, riguardano il Pugilato maschile (Daniele Nucci) ed il Judo femminile + 75 kg (Rosanna Simone). Infine tre bronzi per Pugilato maschile 54 kg (Ludovico D’Amato), Judo femminile 75 kg (Natasha Di Fabio) e Judo femminile a squadre. “Da domani iniziano gli sport di squadra con Volley Maschile (campione d’Italia in carica), Volley femminile, Calcio a 11 e Basket maschile.
«Inoltre scenderanno in campo il Tennis ed il Tennis tavolo – conclude Saverio Frittella, con la voce piena di speranza – e nel prossimo fine settimana saranno di scena l’Atletica, il Karate e l’Arrampicata».

Sebastiano Calella