LE FOTO

L’amore di papa Wojtyla per l’Abruzzo in mostra ai Musei Vaticani

Fino al 19 luglio rassegna fotografica su Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3922




ABRUZZO. L'Abruzzo per la prima volta entra nei Musei Vaticani. Le tradizioni e le eccellenze del territorio verranno presentate al mondo accanto ai ricordi dei due Papi divenuti Santi lo scorso 27 aprile. Le stesse eccellenze che hanno fatto di questa terra un angolo di Italia molto amato da Karol Wojtyla, soprattutto per le sue montagne e la spiritualità che esse esprimono. La regione, infatti, è il grande protagonista della Mostra fotografica dal titolo "L'umiltà e il coraggio che hanno cambiato la storia. Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II" che sarà visitabile fino al prossimo 19 luglio.
Nell'ambito della mostra è stato allestito un "corner" dedicato all'Abruzzo, con un maxischermo e postazioni informatiche, per presentare e mostrare le eccellenze e le meraviglie del territorio, dal patrimonio naturale al turismo, anche religioso, fino all'enogastronomia. Ampio spazio al rapporto che Papa Giovanni Paolo II aveva con l'Abruzzo, cui è dedicata parte delle fotografie in esposizione ai Musei Vaticani: nove delle 60 immagini dedicate a Wojtyla e presentate ai visitatori di tutto il mondo ripercorrono quello speciale rapporto. Un rapporto fatto di alcune visite ufficiali e di tante "fughe", almeno un centinaio, per lui che era un grande amante degli sci e della montagna, sulle cime abruzzesi, per momenti di solitudine e di meditazione.
I gruppi e le scolaresche provenienti dall'Abruzzo hanno la possibilità di acquistare, ad un prezzo speciale, un pacchetto che comprende il biglietto di ingresso, l'entrata ai Musei senza dover fare la fila, la guida alla mostra ed un gadget.
La mostra, curata da Paola Di Giammaria, Responsabile della Fototeca dei Musei Vaticani, e da Arturo Mari, fotografo ufficiale di Giovanni Paolo II, intende riportare una vivida memoria dei Pontefici, mettendone in luce la ricchezza del messaggio spirituale attraverso 120 fotografie, alle quali si unisce la visione di alcuni documentari della Filmoteca Vaticana e del Centro Televisivo Vaticano e di un filmato inedito su Papa Wojtyla.
«Siamo onorati di aver potuto contribuire in questo modo a dare risalto all'evento della Canonizzazione – afferma il responsabile dell’organizzazione della mostra, Quirino Marchegiani -. Abbiamo voluto costruire un percorso grazie al quale far riaffiorare in modo forte i ricordi. L'idea di coinvolgere l'Abruzzo ci è venuta ricordando il particolare ed intenso legame di Papa Giovanni Paolo II con questa terra, in cui è venuto tante volte, sia a livello personale sia per le visite pastorali».