LE ACCUSE

Piazza Salotto, Mascia si apre il suo cantiere elettorale mobile. Marchegiani: «cattivo gusto»

Lo spazio più ambito della città tra comizi e sfide incrociate

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5306




PESCARA. E’ polemica per il box elettorale del sindaco Luigi Albore Mascia in piazza Salotto.
Protesta la consigliera comunale Paola Marchegiani (Pd) che ricorda che in Piazza della Rinascita non era stata mai concessa nessuna occupazione di suolo pubblico a fini di propaganda politica.
A questo giro, invece, il sindaco uscente se lo è concesso da solo. Qualche giorno fa un camion è arrivato in piazza e ha scaricato il comitato elettorale di vetro di Mascia, «la sede elettorale mobile» come la chiama il sindaco.
Qualche ora dopo la struttura bianca con quattro lati di vetri è stato abbellita con foto giganti del primo cittadino uscente ed arredato: qualche sedia, un tavolo, pizzette, rustici e prosecco.
Ma Marchegiani non accetta questa occupazione ‘abusiva’ del suolo pubblico mai concessa, a quanto pare, ad altri candidati: «Qual è la ratio per la quale questo principio etico è stato violato proprio dal sindaco in scadenza?», chiede la consigliera uscente e candidata che parla di «cattivo gusto». Marchegiani sostiene che il primo cittadino abbia già manifestato la sua «prepotenza» più volte in queste ultime settimane: «ha utilizzato per la conferenza stampa della sua campagna elettorale l'ex Aurum di proprietà del comune (lo ha fatto anche D’Alfonso, ndr) e adesso sta inviando a tutti i cittadini di Pescara, infrangendo le regole della legge elettorale, un opuscolo sul quale sono elencati i suoi mis-fatti che esprimono la sua totale mancanza di visione della città».

Se mai nessuno aveva osato tanto come Mascia portandosi addirittura la sede in piazza, c’è però da dire che il Salotto di Pescara viene da sempre utilizzato come spazio per i comizi finali. E’ il cuore pulsante della città e i politici ne conoscono bene il potere attrattivo.
Silvio Berlusconi c’è stato due volte, la prima per sostenere Carlo Masci sindaco (con tanto di jingle ‘pescara con Masci vincerà). Quest’anno arriverà anche Beppe Grillo, il 22 maggio, e sicuramente ci sarà il pienone. Come quello di ieri pomeriggio quando in piazza della Rinascita è arrivato il deputato Alessandro Di Battista, uno dei più amati dal popolo grillino. Nonostante la pioggia battente la piazza era gremita.
Il 23 maggio, invece, arriverà Guerino Testa, candidato sindaco del Nuovo Centro destra, che non è riuscito a strappare dalle mani di Mascia una candidatura unica per il centrodestra. La sua campagna elettorale la chiuderà lì, con la vetrofania gigante di Mascia che lo terrà sotto controllo.