POLITICA E DEBITI

Piccone alle Iene: «il deputato che azzera i costi della politica… non pagando»

Il caso delle fatture non saldate dal Pdl

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

12756

ABRUZZO. «Come si fa a ridurre i costi della politica? C’è un deputato che ha trovato un sistema infallibile ma non per ridurli ma per azzerarli proprio. E’ lui: Filippo Piccone, un uomo dai nobili principi».
Così ieri il programma le Iene si è occupato del deputato abruzzese e sindaco di Celano, intervistato qualche settimana fa proprio in comune.
«Sapete come fa a non spendere nemmeno una lira?», domanda la iene Filippo Roma ai telespettatori? «E’ semplice: non paga. Dal 2008 fa campagna elettorale ed è pieno di gente a cui deve dei soldi»
Segue lunga lista di creditori: dai 20 mila euro che deve alla Alice 2007 Srl, agenzia comunicazione, per una campagna elettorale del 2008, ai 35 mila euro della Cartel srl per un’altra campagna pubblicitaria. E poi ancora 12 mila euro ad Abruzzoweb per interviste a pagamento e 12 mila euro a Tv1 per spot elettorali.
Solo qualche giorno fa a PrimaDaNoi.it aveva scritto un altro creditore in attesa, Paolo Tarantelli della Pubblievents in attesa di 10 mila euro.

Intervistato sulla questione Piccone ha dispensato ampi sorrisi, e anche qualche risata beffarda, spiegando ai creditori di rivolgersi al Pdl: «Esiste un amministratore delegato ed una istituzione giuridica che si chiama Pdl… che glieli devo dare io i soldi?»
A questo punto entra in azione il sindaco Benedetto Di Censo, sindaco di Aielli che spinge il cameramen e autore del programma e gli getta a terra il cellulare. «Siete dei violenti», dice il sindaco che sostiene di aver ricevuto gomitate ai fianchi. «Ma sta bene? S’è fatto qualche canna?», chiede poi a Filippo Roma. «Le cose che lei tira in mezzo non mi toccano proprio». Piccone si è poi scusato per il comportamento di Di Censo.

++++ GUARDA IL VIDEO