MALTEMPO

Pescara sotto diluvio di acqua e polemiche: domani scuole chiuse

Scuole chiuse anche a Montesilvano

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

24589





PESCARA. Città off limits, intere zone irraggiungibili, strade chiuse, macchine impantanate e bloccate, traffico in tilt. Piove acqua, tanta, ed è la prova che lanciare emergenze e pulire tombini non basta. C’è dell’altro che non va. Scattano così le polemiche sui lavori fatti nella zona dello stadio i cui effetti non si sono proprio visti: allagamenti come sempre. Perché?

Non ridimensionano l’allarme nemmeno da Palazzo di città dove il codice è rosso anche per domani.

Nel primo pomeriggio è arrivata al fax della Segreteria del sindaco Albore Mascia la comunicazione ufficiale del Responsabile del Dipartimento della Protezione civile regionale, Antonio Iovino, per segnalare che in località Maraone, a Popoli, il fiume Pescara ha raggiunto l’altezza di 1,40 metri, ed  ha superato la soglia di preallarme e continua a salire.
Una situazione di massimo allarme perché a questo punto si teme l’ondata di piena su Pescara e per questo sono state predisposte tutte le misure di mobilitazione di tutte le forze in campo.
Intanto per domani, mercoledì 13 novembre, il sindaco Albore Mascia ha firmato l’ordinanza di chiusura di tutte le scuole, di ogni ordine e grado, provvedimento valido non solo per gli studenti, ma anche per il personale, dunque operatori scolastici, bidelli, insegnanti e dirigenti, con l’obiettivo di ridurre al minimo il traffico lungo le nostre strade.
Continuano a restare chiuse al transito e alla sosta le due golene, nord e sud, che sono la zona di massimo pericolo in caso di esondazione del fiume e il nostro appello va a tutti i cittadini affinchè evitino quanto più possibile di mettersi in macchina in queste ore, cercando di restare in casa, salvo situazioni di reale emergenza.
«Dobbiamo capire che quella che stiamo vivendo è una vera calamità, non un semplice acquazzone», dice Berardino Fiorilli, assessore, «e invitiamo i cittadini a evitare in maniera rigorosa la golena, anche gli appassionati dello jogging che oggi sfidando vento e pioggia, correvano sul lungofiume, nonostante le pattuglie chiedessero loro di spostarsi e abbandonare l’area».

«Purtroppo da ore ha ripreso a piovere in maniera copiosa», aggiunge l’assessore comunale, «e questo sta rendendo molto difficile qualunque intervento sul territorio, interventi di supporto alla popolazione che stiamo sostenendo in ogni maniera, aprendo i tombini per agevolare il deflusso dell’acqua e attivando le idrovore per assorbire l’acqua in eccesso dove possibile, ma il problema è l’enorme quantità di pioggia caduta e soprattutto l’intensità del nubifragio. Nel frattempo ci stiamo preparando ad affrontare una nuova notte difficile: il Comando della Polizia municipale resterà aperto per tutta la notte e cinque squadre della Protezione civile sorveglieranno oltre al fiume anche la zona dei colli Innamorati e quella di Porta Nuova, ossia le due aree che più di ogni altra stanno soffrendo».

Si registrano allagamenti diffusi su tutta la città: oltre a Porta Nuova, con via Marconi, via Pepe, via Elettra, viale Pindaro, allagata anche via Celestino V, via Luigi Polacchi, via Neto, via Caravaggio, subito dopo il centro commerciale Globo, una strada dove comunque è stata rifatta tutta la rete fognaria.
Tutte le strade sono state chiuse al traffico mentre altre anche pericolose rimangono comunque aperte e le auto vi si infilano proprio mentre il livello dell’acqua sale.
 E allagamenti si sono verificati anche all’interno di scantinati, garage e abitazioni al piano terra. Dal primo pomeriggio odierno sono scesi in campo ben 100 uomini tra agenti della Polizia municipale, coordinati dai maggiori Danilo Palestini e Paolo Costantini, unità della manutenzione, Protezione civile e volontari della Protezione civile, questi ultimi coordinati da Angelo Ferri, unità che stanno provvedendo a sistemare le transenne per chiudere al traffico le strade più problematiche, ad aprire i tombini per far defluire l’acqua ed eliminare eventuali ostruzioni.

SCUOLE CHIUSE ANCHE A MONTESILVANO

 Scuole chiuse di ogni ordine e grado domani anche a Montesilvano a causa del maltempo. E' quanto prevede l'ordinanza sindacale disposta in via prudenziale per evitare disagi e rischi legati alla circolazione veicolare e pedonale in prossimita' degli istituti scolastici, a causa delle intense precipitazioni atmosferiche che perdureranno anche per la giornata di domani, cosi' come indicato dagli istituti di previsione atmosferiche. Anche a Montesilvano le strade sono allagate ed in molte zone non si transita. Anche nella zona collinare la situazione è disagiata. Un vero e proprio fiume di fango si è riversato per l’intera giornata in via Martiri di Belfiore ed in altre zone limitrofe. 

SCUOLE CHIUSE ANCHE A: Penne, Francavilla al mare, Città Sant'Angelo

(Foto: Valerio Simeone - FOTOWIRELESS)