ATLETICA

Pescara. Maratona Dannunziana: 1.900 atleti tra sport e divertimento

Pescara blindata per l’evento

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6550



PESCARA. E’ stata la festa dello sport e delle famiglie, delle migliaia di persone che di primo mattino si sono riversate nel centro della città per assistere allo spettacolo colorato e vivace della partenza di 1.900 atleti di ogni età.
Professionisti della corsa, appassionati, e anche mamme e papà con bambini al seguito dentro passeggini. E ad accogliere i partecipanti alla manifestazione, sia alla gara competitiva che alla passeggiata e alla Dannunzianina, riservata ai bambini sino a 16 anni, è stata una città blindata, chiusa alle auto dalle 8 del mattino, invalicabile da qualunque mezzo sulla riviera sud, lungo l’intera riviera nord e anche le vie all’interno, come via Regina Margherita e via Nicola Fabrizi.
A sorvegliare a vista i varchi è stato un cordone di cento volontari della Protezione civile coordinati da Antonio Romano dell’Associazione Val Pescara, oltre ai 50 agenti della Polizia municipale, coordinati dal maggiore Danilo Palestini e dal maggiore Paolo Costantini, che hanno garantito una scorta straordinaria agli atleti lungo l’intero percorso di gara, per assicurare un evento senza sbavature.
Lo hanno detto gli assessori regionale allo Sport Carlo Masci e alla Mobilità Berardino Fiorilli che stamane hanno seguito le fasi della manifestazione, giunta alla tredicesima edizione, con il campione Alberico Di Cecco, i rappresentanti della Farnese Vini, sponsor ufficiale dell’iniziativa con Conad Adriatico, e con i rappresentanti dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla e di Telethon.
«La Maratona Dannunziana sta crescendo e assumendo sempre più una dimensione internazionale – ha sottolineato l’assessore regionale allo Sport, Carlo Masci che ha dato il via alla gara alle 9.15 – e lo dimostrano i numeri. Quella del 2013 è stata, come ci aspettavamo, una giornata di sport e solidarietà, con la parte agonistica e una riservata alla passeggiata, per bambini, nonni, per le famiglie intere».
«Ovviamente – ha proseguito l’assessore alla Mobilità Berardino Fiorilli – lo svolgimento della manifestazione ci ha imposto la chiusura al traffico dell’intera riviera, dal confine con Francavilla al Mare, a sud, sino al confine con Montesilvano a nord. Abbiamo però differenziato gli orari, ossia la riviera sud è rimasta chiusa dalle 8 sino alle 11, la riviera nord dalle 8 sino alle 16. E la città ha raccolto il nostro invito a partecipare, anche alla passeggiata non competitiva, o comunque ad assistere a un’iniziativa che conferisce lustro alla città, lasciando la vettura in sosta gratuita sulle aree di risulta o magari in garage raggiungendo il centro-cittadino in bici».
Come da tradizione la gara è stata suddivisa in mezza maratona, maratona, staffetta, passeggiata non competitiva e gare bambini per dare modo a tutta la città di partecipare, «e complessivamente i partecipanti sono stati circa 1.900, ossia 317 gli atleti professionisti iscritti alla Maratona; 951 alla Mezza Maratona, tra cui il Presidente della Gestione Trasporti Metropolitana Michele Russo e il consigliere della Circoscrizione Castellamare Benedetto Gasbarro; 60 alla staffetta (divisi in 15 gruppi), 100 i ragazzi della dannunzianina e circa 472 alla passeggiata – ha detto Di Cecco -. E anche quest’anno il ringraziamento per il successo dell’evento va anche alla macchina organizzativa del Comune che ha garantito una gara in assoluta sicurezza per gli atleti, chiudendo al traffico tutte le strade del percorso, letteralmente sorvegliate a vista e blindate».

IL PERCORSO
Mezza maratona, Maratona e Staffetta Dannunziana sono partite simultaneamente alle 9.15 da via Nicola Fabrizi, all’altezza di piazza Salotto, per poi snodarsi lungo via Foscolo, lungomare Matteotti (direzione sud), attraversamento ponte del mare, lungomare Papa Giovanni XXIII, viale Primo Vere, viale Alcione sino all’altezza del civico 182, ossia dopo lo stabilimento balneare Le Nereidi, prima di via delle Napee, quindi giro di boa verso nord, viale Alcione, viale Primo Vere, lungomare Papa Giovanni XXIII, lungomare Cristoforo Colombo, attraversamento del ponte del mare, lungomare Matteotti (direzione nord), viale della Riviera nord, via Aldo Moro (all’altezza di via Taro, tra gli stabilimenti balneari ‘Brigantino’ e ‘Voglia di Mare’), giro di boa verso sud, via Aldo Moro, viale della Riviera nord, via Leopoldo Muzii, via Regina Margherita e piazza della Rinascita, con arrivo per la mezza maratona, per 21,095 chilometri.
Coloro che hanno corso la Maratona, per 42,195 chilometri, invece hanno proseguito per altri due giri sul seguente percorso, ossia via Nicola Fabrizi, via Foscolo, lungomare Matteotti (in direzione nord), viale della Riviera, via Aldo Moro, giro di boa con svolta verso sud, di nuovo via Aldo Moro, via della Riviera nord, via Muzii, via Regina Margherita e piazza della Rinascita.
La passeggiata non competitiva, di 3 chilometri, è partita simultaneamente alla maratona da piazza Salotto, percorrendo via Nicola Fabrizi, via Ugo Foscolo, lungomare Matteotti (in direzione nord), via Leopoldo Muzii, via Regina Margherita, e arrivo in piazza Salotto. Infine la ‘maratonina dannunziana’ riservata ai bambini e ragazzi sino ai 15 anni, è iniziata intorno alle 9.30 da piazza Salotto percorrendo corso Umberto con ritorno in piazza Salotto.
«Alle 11 – ha proseguito l’assessore Fiorilli – abbiamo riaperto al traffico la riviera sud, alle 16 anche la riviera nord, senza registrare alcun problema per l’intera giornata, ad eccezione di qualche incolonnamento a ridosso di via Puccini».