STUPEFACENTI

Abruzzo. Traffico internazionale di droga, tre arresti

Operazione della Finanza di L’Aquila e Bologna

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5366




L’AQUILA. Ancora tre arresti nell’ambito dell’inchiesta ‘Tolemaide’, una maxi operazione iniziata dai finanzieri de L’Aquila nell’estate del 2010.
Ieri i finanzieri appartenenti ai Gruppi Investigazione Criminalità Organizzata di L’Aquila e Bologna, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bologna, hanno arrestato tre persone.
Si tratta di Diego Bautista Noguera, 69 anni di Girona, senza fissa dimora, Alfredo Mauro Chierici, 60 anni residente a Cesena e E.G.M., di nazionalità magrebina, irreperibile e dunque ricercato.
Gli arresti rappresentano l’atto conclusivo dell’indagine che prende il nome (Tolemaide, appunto) della strada della città di Rimini dove avvenne il primo incontro fra gli acquirenti del litorale pescarese ed i referenti stranieri dell’organizzazione per definire il modus operandi dell’illecito traffico di droga.
L’inchiesta è partita dal G.I.C.O. di L’Aquila sotto la direzione della Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo abruzzese. Successivamente si è sviluppata in più tronconi che hanno richiesto l’attivazione della D.D.A. emiliana e dei finanzieri del G.I.C.O. di Bologna.
L’attività investigativa aveva, nel tempo, già consentito di sequestrare oltre 330 chilogrammi di hashish e di arrestare nella flagranza di reato 6 persone. Nel complesso sono state denunciate a piede libero altre 11 persone.

A SETTEMBRE 2010
L’operazione repressiva più importante risale al mese di settembre del 2010, quando il G.I.C.O. di l’Aquila sequestrò, nei pressi di Piacenza, un ingente quantitativo di droga destinato ai mercati dell’Emilia e dell’Abruzzo arrestando, in flagranza, 2 persone. Per giungere al sequestro dello stupefacente i finanzieri avevano attuato un ampio dispositivo di osservazione e pedinamento a distanza dell’autotreno, grazie all’impiego di mezzi tecnici avanzati. Il Tir, dopo aver attraversato la frontiera di Ventimiglia, era stato monitorato fino alla zona industriale nei pressi del casello di Piacenza Sud, dove era prevista la consegna dello stupefacente. A quel punto i finanzieri erano intervenuti ed avevano scoperto, custoditi in sette scatole avvolte da sacchi di juta, 210 chilogrammi di hashish. Furono arrestati il camionista italiano e l’acquirente magrebino.

A GIUGNO 2011
Ancora, a Giugno del 2011, i finanzieri del G.I.C.O. di L’Aquila sequestrarono in località Ventimiglia un secondo ed ingente quantitativo di sostanza stupefacente, dell’ordine di 120 chilogrammi di hashish: due cittadini di nazionalità bulgara furono arrestati perché responsabili del trasporto del prezioso carico di droga. Lo stupefacente, in quella circostanza, era stato confezionato in 1.200 panetti, abilmente occultati fra casse di pesce surgelato.

APRILE 2012
Nel mese di aprile del 2012, gli atti del filone principale dell’inchiesta sono stati trasmessi, per competenza, dalla D.D.A. di L’Aquila a quella di Bologna. Uno stralcio dell’inchiesta condotta a L’Aquila e che aveva consentito al G.I.C.O. di sequestrare, nel gennaio del 2011, 160 grammi di eroina e mezzo chilo di hashish e di arrestare altre 2 persone, è stato trasmesso nel novembre del 2012 dalla D.D.A. di L’Aquila alla magistratura di Teramo.