VIABILITA'

Abruzzo, l’asse attrezzato ha un nuovo svincolo per via Tirino

L’infrastruttura inaugurata oggi sulla variante ss 16 di Pescara

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

12266


 PESCARA. L'Anas ha aperto oggi al traffico lo svincolo di Via Tirino al km 451,850 della variante di Pescara alla strada statale 16 “Adriatica”, in un tratto a doppia carreggiata.

Alla cerimonia di inaugurazione hanno partecipato il Presidente della Provincia di Pescara Guerino Testa, il Sindaco di Pescara Luigi Albore Mascia e il Capo Compartimento Anas per l’Abruzzo Lelio Russo.
L'intervento comprende la realizzazione di uno svincolo a quadrifoglio parziale con due rotatorie, collegate fra loro da una bretella di raccordo, per l'allacciamento con la viabilità urbana. La prima rotatoria, ubicata lungo Via Tirino, regolamenta il traffico tra Via Tirino e la strada statale 16. La seconda rotatoria, ubicata sotto il viadotto "Sambuceto” della variante di Pescara, smista il traffico da e per le rampe di svincolo.
Per la realizzazione delle due corsie in direzione nord dello svincolo è stato effettuato l’allargamento dell'esistente viadotto "Sambuceto”. Lungo la strada statale 16, invece, le due corsie in direzione sud sono state ottenute adeguando il rilevato stradale esistente.
La sovrastruttura stradale, per tutti i rami di svincolo, è costituita con tappeto d'usura tipo anti-skid.
Per attenuare gli effetti del traffico sulle unità abitative adiacenti allo svincolo sono state installate barriere di sicurezza e antirumore.
«La nuova infrastruttura – ha affermato l’Amministratore unico dell’Anas Pietro Ciucci in una nota inviata ai presenti -, promossa dal Comune di Pescara, ha l'obiettivo di collegare alla viabilità principale, in modo diretto, le attività commerciali, industriali e terziarie, nonché i numerosi residenti di Via Tirino e delle zone limitrofe, decongestionando la vicina uscita della strada statale 16 "Via Tiburtina-Aeroporto". L'opera oggi aperta al traffico – ha concluso Pietro Ciucci - ha comportato per Anas un investimento complessivo di circa 5 milioni di euro».