LA PROTESTA

Abruzzo, 2 mila balneatori in piazza: «l’Italia faccia come la Spagna»

Corte questa mattina per le strade della città

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6915

PESCARA. «La scelta del governo spagnolo dimostra che tutelare le peculiarità nazionali è possibile se la politica lo vuole».

Al governo italiano chiedono lo stesso coraggio, la stessa schiena dritta, «perché regalare le spiagge italiane alle multinazionali sarebbe una vera e propria confisca del lavoro di 30 mila aziende italiane e 800 imprese abruzzesi, che hanno trasformato la sabbia in aziende produttive e sane».
Lo affermato Antonio La Torre, vicepresidente nazionale e presidente regionale di Fiba-Confesercenti, l’associazione dei balneari abruzzesi che questa mattina, assieme a Riccardo Padovano (Sib-Confcommercio), Cristiano Tomeri (Fab-Cna) e Ottavio Di Stanislao (Assobalneari-Confindustria) ha guidato la manifestazione per le strade di Pescara dal palco allestito su un furgone cabinato, allestito con una bara rappresentante il turismo made in Italy.
In piazza, nel corteo che si è snodato lungo il centro cittadini, oltre 2 mila persone con le bandiere della Spagna (che ha proposto il rinnovo delle concessioni fino a 75 anni) e i rappresentanti di tutti i Comuni costieri d’Abruzzo (Alba Adriatica, Martinsicuro, Tortoreto, Giulianova, Roseto, Pineto, Silvi, Città Sant’Angelo, Montesilvano, Pescara, Francavilla, Ortona, San Vito Chietino, Fossacesia, Rocca San Giovanni, Casalbordino, Vasto e San Salvo) in fascia tricolore e con i gonfaloni dei municipi, accogliendo l’appello lanciato dalle associazioni.
«Ora appenderemo queste bandiere spagnole sulle nostre concessioni - ha annunciato La Torre sotto il palazzo del Consiglio regionale di piazza Unione, dove si è conclusa la manifestazione – perché la politica ha il dovere di difendere le nostre imprese e i nostri dipendenti. Il documento redatto dal ministro Gnudi e con il quale l’Italia pensa di andare alla trattativa comunitaria è irricevibile: la politica faccia un passo avanti, si impegni a fondo affinché le nostre spiagge non diventino caselli autostradali o fast food, difendano il diritto di 800 aziende sane e produttive di proseguire il proprio lavoro. A dispetto del clima, questo è solo il primo giorno di un autunno bollente per la vertenza dei balneari abruzzesi».

ABRUZZO ANDRA’ A BRUXELLES
Intanto questa mattina l’assessore regionale al Turismo Mauro Di Dalmazio ha annunciato che la Regione Abruzzo andrà a Bruxelles: «ci andremo sia che ci invitino sia che non ci invitino».
«Questa mattina», ha detto l'assessore, «abbiamo fatto partire una richiesta affinchè il Governo non vada da solo in Europa per cui accompagneremo il Governo, se ce lo consentirà. Altrimenti, andremo lo stesso - ha aggiunto l'assessore. E' necessario fare i salti mortali per capire come si possono salvaguardare le oltre trentamila imprese balneari e il turismo italiano - ha proseguito Di Dalmazio. Quindi si deve andare in Europa e fare una battaglia, lasciando momentaneamente da parte il decreto del ministro».

MASCIA: «MANIFESTAZIONE STRAORDINARIA»
«Quella di oggi è stata una manifestazione straordinaria, organizzata in modo eccezionale e che ancora una volta sta vedendo la partecipazione della città e non solo, vista la presenza anche dei sindaci delle regioni limitrofe – ha sottolineato il sindaco Albore Mascia –erché parliamo di una battaglia sentita da chi rappresenta il territorio e ha un contatto quotidiano con la gente:   i nostri balneatori sono  la storia di Pescara. Ha ragione Padovano quando dice che la nostra economia poggia su alcuni capisaldi, e uno di quei capisaldi, uno dei nostri punti fermi è rappresentato dai concessionari balneari, da quelle imprese costruite con il sacrificio di intere famiglie, imprese che oggi ignobilmente qualcuno vuole sottrarre a voi, alle vostre famiglie, ma anche alla nostra città e noi non intendiamo permetterlo».